LA STILISTA

LA STILISTA

MI PRESENTO: ROBERTA SCARPA

Venezia nel cuore e sguardo al futuro.

La Moda è diventata un tutt’uno con la mia vita, non c’è un prima e un dopo, c’è la passione, la memoria storica, la cultura, l’arte e la tecnica che fanno parte integrante del mio essere.

Sono Roberta Scarpa: designer, fashion business project developer, art director, fashion design tutor.

Sono nata a Venezia, un luogo magico e pieno di bellezza e arte che ha influenzato la mia identità come creatrice di moda.

Ho creato il mio marchio per infondere l’incanto della mia terra in progetti di collezione dove la sinergia tra tecniche artigiane e lavorazioni industriali permette un’offerta di qualità in un mercato internazionale.

Il mio è uno stile emozionale, fatto di collezioni di abiti stampati con disegni esclusivi.

La bellezza dei palazzi veneziani, gli arredi, i tessuti barocchi, i colori e quell’atmosfera particolare, che coniuga nobiltà, mistero ed esotismo, si sono trasformati in disegni, texture, jacquard e tessuti originali, in una interpretazione moderna per un total look sofisticato.

Ho decostruito, alleggerito, reso confortevole e indossabile la bellezza di Venezia, attraverso tecniche di maglieria innovativa realizzata con artigiani specializzati.

Ho venduto milioni di capi in tutto il mondo ed ora intendo valorizzare la moda come risorsa culturale che porta con sé memorie, interpretazioni, sogni.

Roberta Scarpa

IL PERCORSO DELLA STILISTA

Inventare, fare, distribuire

Roberta muove i primi passi nel mondo della moda a Venezia, nell’atelier della zia modista, affacciato sulle meraviglie di piazza S. Marco che lasceranno un’impronta indelebile nella formazione del gusto della designer.

Messo a fuoco l’obiettivo di vestire la donna contemporanea, dinamica e sempre in viaggio (anche e soprattutto mentale), Roberta Scarpa nel 1981 fonda, insieme al marito Rinaldo Lorenzon, una sua azienda.

Il richiamo dell’acqua è sempre potente, e la Dressing viene costituita sulle rive del Sile, il placido e verdeggiante fiume che attraversa Treviso nella sua corsa verso il mar Adriatico.

Affrontando con serietà e impegno il ruolo di imprenditrice, Roberta Scarpa decide di seguire non solo lo stile, ma anche le tecniche industriali per la realizzazione dei capi e le strategie di distribuzione nei mercati interno ed estero; “Inventare, fare e distribuire” diventa il suo mantra.

Le conferme non tardano ad arrivare: nel 1981 la linea “Bambole” riscuote un successo immediato e pochi anni più tardi Roberta Scarpa viene chiamata a collaborare da alcune delle maison internazionali più prestigiose, come Roberto Cavalli ed Ermanno Scervino, che hanno cominciato ad affidare alla direzione artistica della creatrice la produzione in licenza delle loro linee.

Nel ’96 nasce la collezione Roberta Scarpa, nella quale la stilista sintetizza e valorizza le sue esperienze poliedriche, la conoscenza dei materiali e delle tecnologie e il gusto per la sperimentazione.

L’amore per Venezia è il filo conduttore che segna la ricerca di Roberta Scarpa, che si esprimerà, collezione dopo collezione, con richiami, ora sottili ora manifesti, alla fulgida storia della Serenissima.

Lo studio dei motivi e delle tecniche nella stampa dei tessuti ha permeato non solo i capi firmati Roberta Scarpa, ma ha anche alimentato un enorme archivio storico e culturale che rappresenta fonte di ispirazione per costruire nuovi progetti di ricerca e che comprende molteplici stampe studiate in esclusiva, teli di maglieria con punti e lavorazioni jacquard, intarsi e ricami, ricerche di jersey con studi di finiture, trattamenti, stampe e tecniche di lavorazioni sulla pelle.

Brand business history overview

1996-1997 A brand is born
Nasce il brand
Roberta Scarpa Venezia

La designer lancia il brand “ROBERTA SCARPA” che porta il suo stesso nome. All’inizio il principale mercato era quello italiano che raggiungeva un turnover di 4ml.

Lo showroom direzionale viene aperto in Via della Spiga, 7 nel cuore del quadrilatero della moda a Milano.
Il primo monomarca viene aperto a Venezia nel 1995.

1998-2001 Going west
Un mercato in espansione

Roberta Scarpa stringe accordi con nuovi partner in Europa e negli Stati Uniti. Il turnover raggiunge gli 8 ml.

Viene aperto il secondo monobrand in Via Condotti nel cuore di Roma.

2002-2004 Going east
Si guarda ad oriente
est

Arrivano nuovi partner in Medio Oriente, Russia, Est Europa e Giappone.

Il mercato russo esplode e rappresenta il 30% del turnover del brand.

Il volume di affari raggiunge i 10 ml e le vendite all’estero rappresentano il 50% del totale.

2005-2014 More partners, more showrooms
All over the world

Roberta Scarpa arriva in Cina, Korea e Taiwan. Ora la distribuzione copre tutto il mondo.

Il turnover raggiunge i 14 ml.

Il secondo showroom direzionale viene aperto in Kaiserswherter strasse, 183 a Düsseldorf.

Roberta Scarpa diventa membro della “Camera Nazionale della Moda Italiana” e inizia a sfilare alla Fashion Week di Milano (2005).

2016 She's back
Spring Summer
Spring Summer Collection

Roberta Scarpa torna nel mercato con la Collezione Spring Summer 2016.

Tre agenti operano in Italia e uno showroom multibrand opera da Milano nel mondo.

2017-2019 New successes
Fall Winter
Boutique a Venezia

La Collezione Fall Winter 2017 porta alla sigla di due nuovi accordi di distribuzione in Giappone con il gruppo Aoi e a Taiwan.

Nel 2017 apre il monomarca a Venezia in Galleria Barcella e nel 2018 viene aperto un secondo monomarca da un partner a Pjatigorsk in Russia.

IL MIO LAVORO

Creatività e impresa

Metto a frutto esperienza e ispirazione non solo nelle mie creazioni, ma anche nel progetto di nuovi brand.

Sono:
creatrice di brand
direttrice artistica
formatrice

DICONO DI NOI

Conferme di stima

SODDISFAZIONI

Collaborazioni eccellenti

Case di moda affermate mi hanno proposto collaborazioni in cui ho potuto dispiegare i miei talenti accordandoli alla personalità specifica del brand.

Loris Azzaro
Rocco Barocco
Voyage “Amour”
Antonio Berardi “2die4”
Plein Sud
Gai Mattiolo “XXX”
Cavalli Class
Scervino Street
Armani Golf
Versace “Classic V2”